Domenico Prattichizzo, named 2016 IEEE Fellow

Piscataway, New Jersey, USA, January 2016: Domenico Prattichizzo, Professor of Robotics, from University of Siena, Italy, has been named an IEEE Fellow. He is being recognized for contributions to haptics and multi-fingered robotic hands. His research deals with human centered robotics with the main aim of helping the visually impaired and the stroke persons in navigation and grasping tasks through wearable haptic technologies.
The IEEE Grade of Fellow is conferred by the IEEE Board of Directors upon a person with an outstanding record of accomplishments in any of the IEEE fields of interest. The total number selected in any one year cannot exceed one-tenth of one- percent of the total voting membership. IEEE Fellow is the highest grade of membership and is recognized by the technical community as a prestigious honor and an important career achievement.

Domenico Prattichizzo is currently Full Professor at the Department of Information Engineering and Mathematics of University of Siena, Italy. Since 2009 he is a Scientific Consultant at Istituto Italiano di Tecnologia, Genova, Italy. Since 2014, he is Associate Editor of Frontiers of Biomedical Robotics. From 2007 to 2013 he has been Associate Editor in Chief of the IEEE Transactions on Haptics. From 2003 to 2007 he has been Associate Editor of the IEEE Transactions on Robotics and IEEE Transactions on Control Systems Technologies. He has been Chair of the Italian Chapter of the IEEE RAS (2006-2010), awarded with the IEEE 2009 Chapter of the Year Award. He has been the coordinator of “RemoTouch” selected as one of the project to represent Innovation Italy at Shanghai 2010 Expo within the program “Italia degli innovatori” promoted by italian government representatives. He is currently the Coordinator of the IP collaborative project “WEARable HAPtics for Humans and Robots” (WEARHAP) funded by the European Union Seventh Framework Programme FP7/2007-2013. He is author of more than 250 papers on robotics and haptics.

The IEEE is the world’s leading professional association for advancing technology for humanity. Through its 400,000 members in 160 countries, the IEEE is a leading authority on a wide variety of areas ranging from aerospace systems, computers and telecommunications to biomedical engineering, electric power and consumer electronics.
Dedicated to the advancement of technology, the IEEE publishes 30 percent of the world’s literature in the electrical and electronics engineering and computer science fields, and has developed more than 900 active industry standards. The association also sponsors or co-sponsors nearly 400 international technical conferences each year. If you would like to learn more about IEEE or the IEEE Fellow Program, please visit www.ieee.org.

VERSIONE ITALIANA

Piscataway, New Jersey, USA, Gennaio 2016: Domenico Prattichizzo, Professore di Robotica dell’Università degli Studi di Siena, é stato nominato IEEE Fellow a partire dall’anno 2016.

La IEEE, acronimo di Institute of Electrical and Electronic Engineers (www.ieee.org), é un’associazione mondiale di scienziati professionisti con l’obiettivo della promozione della tecnologia al servizio dell’umanità.
Attraverso i suoi quattrocentomila membri in centosessanta nazioni, la IEEE é leader in una vasta moltitudine di settori, che spaziano dall’ingegneria aerospaziale, informatica, dell’automazione e delle telecomunicazioni all’ingegneria biomedica ed elettronica.
La sua principale missione é il progresso della tecnologia.
Pubblica il trenta per cento della letteratura mondiale nei campi dell’ingegneria informatica, elettrica ed elettronica e ha sviluppato più di novecento standard industriali. Sponsorizza, inoltre, circa quattrocento conferenze tecniche di livello internazionale ogni anno.

Il grado di IEEE Fellow é conferito dal Comitato dei Direttori IEEE a persone a cui vengono riconosciuti contributi di eccezionale rilevanza nei settori di interesse dell’Associazione.
Il numero totale dei ricercatori selezionati ogni anno non può eccedere un decimo dell’uno percento del totale dei membri votanti.
IEEE Fellow é il più alto grado, che può essere attribuito ad un membro, ed é riconosciuto dalla Comunità Tecnico Scientifica come un prestigioso onore e un importante traguardo nella carriera.
Domenico Prattichizzo ha ottenuto il titolo per i suoi contributi nei settori dell’aptica e delle mani robotiche multidita.
Le sue ricerche sono rivolte alla robotica al servizio dell’uomo e i suoi principali attuali obiettivi sono quelli di aiutare, tramite tecnologie indossabili, le persone che hanno subito un ictus, con conseguente limitazione nell’uso delle mani, nell’afferrare e manipolare oggetti e le persone con difficoltà visive a muoversi in ambienti esterni.

Domenico Prattichizzo é Professore Ordinario presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione e Scienze Matematiche dell’Università degli Studi di Siena.
Dal 2009 riveste anche il ruolo di Consulente Scientifico presso l’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova.
Dal 2014 é, poi, Associate Editor della rivista Frontiers of Biomedical Robotics.
Dal 2007 al 2013 é stato Associate Editor in Chief della rivista IEEE Transactions on Haptics e Associate Editor delle riviste IEEE Transactions on Robotics e IEEE Transactions on Control Systems Technologies.
Ha ricoperto, poi, il ruolo di Chair dell’ IEEE Robotics and Automation Society Italian Chapter dal 2006 al 2010 ed é stato premiato con il IEEE 2009 Chapter of the Year Award.
É, inoltre, stato coordinatore di RemoTouch, selezionato tra i progetti per rappresentare Innovation Italy all’ Expo 2010 di Shanghai nell’ambito del programma “Italia degli innovatori”, promosso dal Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione e dal Commissario Generale del Governo per l’Expo.
Sta poi coordinando il progetto WEARHAP “WEARable HAPtics for Humans and Robots”, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del settimo programma quadro.
É autore di più di 250 articoli nei settori della robotica e dell’aptica.

Springer book on Cutaneous Haptic Feedback in Robotic Teleoperation 

The Springer book by Claudio Pacchierotti on “Cutaneous Haptic Feedback in Robotic Teleoperation” is available.

The foreword/acknowledgements/table-of-contents is here available.

The book is available for purchase at Springer Link.

Congratulations Claudio. Keep running.

_DP

Screenshot from 2015-11-10 10:39:12

Source: Cutaneous Haptic Feedback in Robotic Teleoperation – Springer

La Migliore Tesi di Dottorato in Tecnologie Aptiche è di uno Studente Senese – La Nazione Siena del 16 Luglio 2015.

La notizia del premio a Claudio Pacchierotti sulla Nazione di Siena. Complimenti Claudio ! _DP

IMG_2271

Claudio Pacchierotti won the prestigious Eurohaptics PhD Award 2014

[ITA] Cari amici, è un onore per me comunicarvi che Claudio Pacchierotti del Università Di Siena ha vinto il prestigioso premio internazionale eurohaptics best PhD Award 2014. Premiato. Complimenti Claudio!!! Sei una delle colonne del ‪#‎sirslab‬‪#‎haptics2015‬.

11143156_10153386202982560_9030273012648937322_n

The art of manipulation with robotic hands: the University of Siena will provide soon an online course on advanced robotics.

The Professor Domenico Prattichizzo, of the Department of Information Engineering and Mathematics, is the winner of the award for the Academic Support Award by MathWorks, in charge to realize a MOOC on “The Art of Grasping and Manipulation in Robotics”.

The course will be released in a few months and will be use from MathWorks, the leading international global provider of mathematical computing software for engineers and scientists.

The company, which provides funding for 40 thousand dollars, has assigned the task of designing a course on handling robot to the Professor Prattichizzo, as a result of an international selection. The course, which will be freely available online from the next summer, will also be used in the teaching of Human Centered Robotics Course Master of Science in Computer and Automation Engineering of the University of Siena.

Further information about the course will be available as soon as possible.

Link to the MathWorks page: http://www.mathworks.com/

Il progetto RemoTouch selezionato per l’Expo di Shangai 2010

201003231028.jpg

Il progetto RemoTouch è stato selezionato come uno dei progetti meritevoli per la presentazione all’EXPO SHANGAI 2010 Expo nell’ambito dell’iniziativa “Italia degli Innovatori” promossa dal Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta, e il Commissario Generale del Governo per l’Expo 2010, Beniamino Quinteri.

Il progetto REMOTOUCH è stato selezionato insieme ad altri 265 progetti per la realizzazione di una mostra temporanea all’EXPO SHANGAI 2010 con eventi collaterali dedicati alle eccellenze tecnologiche con l’obiettivo di mettere in evidenza l’ingegno e la tradizionale inventiva italiana.

Il Ministro Brunetta ed il Commissario Generale del Governo, Beniamino Quinteri hanno tenuto una conferenza stampa sull’iniziativa Italia degli Innovatori nell’ambito della quale il progetto REMOTOUCH è stato presentato insieme ad altre cinque idee innovative.

Il comunicato stampa del ministero è leggibile al seguente indirizzo

http://www.innovazionepa.gov.it/ministro/salastampa/notizie/7088.htm

Il progetto del nostro Dipartimento è REMOTOUCH ed è reperibile al seguente indirizzo

http://remotouch.dii.unisi.it/

In breve cosa è RemoTouch:

RemoTouch è un progetto svolto dal nostro Dipartimento in cooperazione con la Tokyo University per lo sviluppo di tecnologie e applicativi per “toccare a distanza”. L’esempio paradigmatico è quello riportato in un video del sito (http://remotouch.dii.unisi.it) dove una mamma con un guanto sensorizzato tocca un bambino e trasmette a distanza le informazioni tattili al compagno che, attraverso un guanto attuato, percepisce in tempo reale l’esperienza tattile acquisita attraverso la mano della mamma

Il sistema può essere anche utilizzato per registrare esperienze tattili per poi riviverle a distanza di tempo.

Il tatto è l’unico dei cinque sensi che ha recettori sparsi su tutto il corpo e spesso è utilizzato in modo quasi inconsapevole. Il tatto è essenziale nella vita di tutti i giorni: senza il feedback tattile sarebbe molto difficile eseguire compiti semplici come ad esempio afferrare una penna e non potremmo accorgerci di eventuali situazioni di pericolo derivanti dal contatto con oggetti.

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un grande sviluppo e diffusione dei dispositivi elettronici volti alla “remotizzazione” dell’udito (microfoni e altoparlanti integrati nei telefoni) e della vista (telecamere e schermi dei portatili). La loro capillare diffusione ha inoltre consentito un notevole abbattimento dei costi ed una riduzione delle dimensioni a beneficio della portabilità.

RemoTouch è uno dei primi esempi di esperienza tattile remota ottenuta con dispositivi semplici, portatili e a basso costo. Si ritiene che le tecnologie per la trasmissione e per la comunicazione tattile saranno sempre più diffuse nei prossimi anni. La comunicazione tattile, può essere importante in molti contesti. Oltre a quello prima rappresentato dove c’è un grande coinvolgimento emotivo dovuto al contatto con il proprio figlio, si pensi alle comunicazioni di tipo commerciale dove ad esempio la trama e la consistenza del cuscino di un divano o di un abito viene trasmessa a distanza a qualcuno che non è potuto recarsi al particolare punto vendita. RemoTouch può essere di grande interesse in molti ambiti. In quello medico, si immagini ad esempio di poter registrare l’esperienza tattile di un paziente che esegue un esercizio di riabilitazione per poi riproporlo al medico curante o al fisioterapista per la verifica delle prestazioni. Nei social network, si immagini di arricchire la comunicazione audio video o chat con la trasmissione di sensazioni tattili per aumentare la sensazione di presenza in ambienti remoti.

Questo progetto ha visto un coinvolgimento degli studenti, in paritocolare, Claudio Pacchierotti, Lenorado Meli e Francesco Chinello, e di molti colleghi del nostro Dipartimento e senza i quali non si sarebbero potuti ottenere i risultati di cui stiamo parlando.

Per maggiori informazioni si rimanda

*** alla Conferenza Stampa del Ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione

http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/Innovatori_italia/index.html

http://www.governo.it/GovernoInforma/Multimedia/dettaglio.asp?d=56193

*** Articolo su Affari e Finanza / Repubblica del 22 Marzo 2010

http://www.dii.unisi.it/prattichizzo/press/Repubblica-Remotouch-22Marzo2010.pdf

*** al sito del progetto RemoTouch

http://remotouch.dii.unisi.it

_DP